Parlando da chitarrista, quando ci sono trasferte per lavoro che mi allontanano da casa una delle cose che mi mancano di più è il poter strimpellare qualche accordo in tutta tranquillità. Non esiste, o meglio non esisteva, un modo comodo per portarmi dietro le sei corde tanto bramate fino a quando non è stata ideata Jammy. È vero, esistono altre chitarre portatili molto simili come ad esempio Jamstik, non stiamo parlando di nessuna invenzione innovativa. C’è un però, che vi spiegherò qua sotto.

Nessuna offre la versatilità che Jammy ha: partiamo dal presupposto che utilizza delle corde reali, con tensione regolabile per come più ci piace, sovrastanti ad un manico di 15 tasti, lungo solo circa 43 centimetri quando “disassemblata” nelle due parti che la compongono.

La chitarra stessa ha due uscite audio con jack da 3.5mm e 6.3mm, anche un’uscita MIDI che ci permette quindi di collegarla al nostro Virtual Studio Technology preferito per poter suonare anche un sintetizzatore o, perché no, una batteria in stile drumpad. In ogni caso, Jammy ha una qualità audio ottima e molto simile ad una chitarra vera e propria, che non vi farà mancare così tanto il vostro modello preferito che tenete con gelosia nelle vostre camere.

Una chitarra reale? Quasi! Cosa ne pensate?

Batteria integrata e integrazione con lo smartphone

Tramite l’app per i nostri smartphone abbiamo a disposizione una vasta gamma di effetti, tipi di chitarre diverse che, una volta selezionati, verranno mandati e processati direttamente dalla chitarra tramite Bluetooth: questo particolare è interessante perché non sarà quindi il nostro cellulare a gestire gli effetti e l’input della chitarra, quindi non esiste lag tra la plettrata e la nota stessa. È possibile scegliere tra le accordature che sono presenti nell’app e cambiarle come vogliamo senza dover modificare la tensione vera e propria delle corde. Le tecniche di suono più comuni, come hammer-on, pull-off, slide, vibrato e tante altre sono tutte ben implementate e più simili che mai alla realtà.

Un esempio di utilizzo di Jammy in versione MIDI + VSTi

È anche possibile utilizzare una tracolla per chitarra per poterla utilizzare nel modo in cui più vi si addice. Nella versione attualmente preordinabile, oltre alla “chitarra” stessa, verrà incluso il frame di supporto per renderla più comoda e simile ad una chitarra reale.
Con una porta USB Type-C sarà possibile caricare la batteria integrata, con durata di circa 4 ore, oltre che a poterla collegare al vostro PC per poter registrare ogni idea di nuovo riff o assolo che può capitarvi. Jammy, tra l’altro, ha una registrazione continua delle note che suonate, quindi nessun’idea verrà persa grazie a questa chicca.

Disponibilità a prezzo

L’azienda produttrice della chitarra aveva intenzione di spedire Jammy dal 26 di Febbraio, ma come leggiamo dal loro blog ufficiale e da questo post sul profilo ufficiale di Instagram ci sono stati un paio di ritardi sul montaggio e preparazione delle chitarre. Nulla da temere, sul loro blog ci saranno continui aggiornamenti e notizie sull’effettiva data! Per quanto concerne il prezzo, invece, qust’ultimo è di 399 dollari (350 euro al cambio).

Personalmente sono stato combattuto svariati mesi prima di acquistarla, adesso sono in trepidante attesa che arrivi in modo da poter fare una recensione video sul nostro canale YouTube. Per ogni aggiornamento a riguardo di Jammy seguiteci e sarete i primi ad essere informati!