Siamo arrivati al termine dell’edizione annuale del Mobile World Congress e siamo stati riempiti di novità: a partire dal 5G tanto amato da OnePlus, abbiamo visto anche tanti smartphone nuovi, come il Samsung S10 e i foldable di punta Samsung e Huawei. Traiamo le nostre conclusioni su quello che abbiamo visto.

L’era degli smartphone foldable

Huawei Mate X a sinistra, Samsung Galaxy Fold a destra

Sembrava essere una novità che avremmo visto solo tra svariati anni e invece eccoli qua, i primi smartphone ripiegabili: i due modelli che ci hanno presentato, ovvero il Samsung Galaxy Fold e lo Huawei Mate X. L’idea di avere un piccolo tablet portatile è una cosa che stuzzica la mente a molti di noi, e queste due opzioni sembrano perfette per il nostro utilizzo.

Personalmente ritengo che il Mate X sia la soluzione migliore perché sul Galaxy Fold lo schermo in modalità “piegata” rimane troppo piccolo per un utilizzo giornaliero. Nonostante ciò, non si tratta di device per tutte le tasche: i prezzi di entrambi partono infatti da 2000 euro. Ciò che però lasciano alle altre case produttrici di smartphone è un ottimo punto di partenza, poiché i prossimi modelli saranno ricchi di feature e migliorie dei cellulari che usciranno a breve. Staremo a vedere cosa riusciranno ad ideare gli altri produttori.

I tentativi di rilancio per HTC, Nokia e Sony

Mentre i giganti combattono tra di loro per imporsi nella presenza delle tasche degli utenti, le marche blasonate del passato cercano di tornare ai bei tempi degli anni scorsi, ecco alcuni di loro che si sono mostrati con nuove proposte.

Sony Xperia 1, 10 ed L3

Sony ha presentato una vasta gamma di modelli nuovi: Xperia 1, 10, 10 Plus ed L3, in ordine di fascia dalla più alta a quella bassa. Xperia 1 ha un interessante display OLED 4K di 6,5″, equipaggiato con uno Snapdragon 855, 128GB di storage e 6GB di RAM supportati dai 3.300 mAh di batteria, che sono forse un po’ pochi considerato lo schermo. I modelli di fascia media 10 e 10 Plus hanno componenti minori, rispettivamente Snapdragon 630 per il primo e Snapdragon 636 per il secondo, mentre per il più economico L3 la scelta è ricaduta su un Mediatek Helio P22.

Un dettagio delle fotocamere dell’Xperia 1

Nokia 9 PureView

Nokia ha una rosa di tutto rispetto: 9 PureView, con 5 fotocamere posteriori ZEISS, Snapdragon 845, schermo 2K pOLED da 5.99″ con supporto ad HDR10. Con un prezzo a partire dai 649€, è molto orientato sulla qualità delle foto con componenti non comuni su altri smartphone per processare le foto in maniera migliore, anche se più lenta; 4.2 è invece di fascia media, con notch a goccia e Snapdragon 439, 3.2 e 1 sono ancora più economici e con componenti di minor qualità prestazionale e orientati per la fascia più in voga tra l’utente medio, cioè la low cost.

HTC Smart Hub 5G

HTC ha sorpreso tutti, presentando un modem hub 5G in grado da fare da hotspot, batteria e un hub Android. Con un display da 5″ in HD, uno Snapdragon 845, 32GB di storage e un’uscita USB-C riesce a riprodurre video, film e serie tv da applicazioni come Netflix. Con una batteria molto capiente da 7660 mAh riuscirà a soddisfare molte esigenze. Un’idea interessante, ma vedere che non ci sono stati nuovi smartphone dalla casa Taiwanese è stata una fitta al cuore, ripensando a vecchie glorie come lo One M7.

HTC Smart Hub 5G

La presenza sempre più imponente dei lowcost

Ogni volta che vedo un modello di questo settore in tanti pensano “Per fortuna che ci sono loro!”. Xiaomi è la leader numero uno in questo campo, essendosi creata una fama mondiale di ottimo rapporto qualità/prezzo, ed è per questo che ha presentato i suoi due nuovi cellulari di punta: Mi Mix 3 e Mi 9. Il Mi Mix 3 5G ha l’innovativo meccanismo a scorrimento già visto sulla versione LTE, e le differenze sono solo su processore, batteria e ovviamente modem.

Mi 9 in versione internazionale è la nuova punta di diamante della casa, con soli 449€ si presenta con uno schermo AMOLED da 6.39″, notch a goccia, fotocamera frontale da 20 mpx e le tre posteriori con una da 12 mpx teleobbiettiva, una da 48 mpx e una da 16 mpx ultra-wide.

Un dettaglio delle telecamere utilizzate dal Mi 9

Viene completato da una batteria da 3300 mAh, NFC, USB-C e MIUI 10 basta su Android 9. Già disponibile all’acquisto da un paio di giorni, è andato quasi subito in tutto esaurito e continua ad essere più che richiesto da ogni store digitale. Viene venduto nelle combinazioni 6+64GB al prezzo sopracitato dal 449€ e 6+128GB a soli 529€.

Non solo cellulari

BMW ha portato il suo prototipo di smart car: è possibile gestire l’auto tramite comandi vocali, gesti e sguardo, per garantire più sicurezza alla guida e meno distrazioni, avendo un’interazione più semplice con comandi come parcheggiare indicando con la mano il posto, oppure permettendo la guida autonoma in modalità Ease.

Per quanto concerne gli indossabili, invece, Nubia ha presentato Alpha, uno smartphone “da polso” che vanta uno schermo OLED flessibile di 4,01″, batteria da 500 mAh, cinturino in acciaio inossidabile e una fotocamera da 5 mpx sul lato destro. Utilizza uno Snapdragon Wear 2100, 1GB di RAM e 8GB di storage. Si può interagire anche con comandi vocali e air gesture, naturalmente oltre allo schermo.

Quest’edizione ci ha portato un sacco di novità, lasciandoci con l’interesse per i prodotti annunciati. Voi cosa ne pensate?